Cosa sono i Free walking Tour

Free tour Cologne

Sono Tour, sono walking e … soprattutto sono Free! ūüôā

I free walking tour sono una nuova e originale modalit√† per esplorare una citt√† “da turista”.

Sono gratuiti, perché sono organizzati da associazioni culturali, da studenti o da appassionati, tutti volontari che desiderano far conoscere la città dove vivono. Non hanno un costo  o una quota di partecipazione, chi li organizza lo fa per puro piacerei condivisione.

Sono walking perch√©¬†si gira a piedi, quindi scarpe comode! A volte ho partecipato a tour cos√¨¬†lunghi da dover usare¬†anche i mezzi di trasporto per spostamenti pi√Ļ lontani.

Read more

La festa del Re: la festa pi√Ļ pazza d’Olanda

Koningsdag

 

Save the Date: 27 Aprile
In Olanda è Koningsdag, la festa del Re!
E’ il giorno pi√Ļ entusiasmante dell’anno,¬†il giorno in cui¬†tutto il paese si colora d’arancione per festeggiare il Re.

Pu√≤ sembrare un po’ prematuro¬†parlarvi di una festa che si terr√† ad Aprile ma credetemi, l’evento √® cos√¨ importante che se pensate di partecipare vi consiglio di organizzarvi¬†presto.
Solo la città di Amsterdam si riempie di 2 milioni di persone!

Vi spiego tutto.
Il 27 Aprile √® il girono in cui tutte le citt√† olandesi si fermano nelle loro attivit√† quotidiane per un’ unica ragione: FARE FESTA!

In passato avevo già avuto qualche dubbio sulla calma e docilezza degli olandesi vedendoli sfrecciare in bici, ma durante i festeggiamenti per il Re, ne ho avuto la certezza, sono semplicemente folli e super resistenti al freddo e alla birra.

Ma andiamo con calma.

Read more

10 cose da vedere a Colonia

Colonia

Buondì Viaggiatori, pronti per scoprire insieme le 10 cose da vedere a Colonia in un week-end?

La prima cosa da prendere in considerazione per un week end a Colonia √® questa: i voli super low cost di Ryanair! Spesso ci sono delle super promozioni e con¬†10 Euro si atterra¬†direttamente¬†nella capitale pi√Ļ giovane della Germania.
E questa gi√† mi sembra un’ottima scusa per un bel weekendino fuori porta ūüôā
Per il resto, serve solo carta e penna e appuntarsi le 10 cose da vedere a Colonia:

  1. La Cattedrale

Cattedrale di Colonia

Senza dubbio, il simbolo della città.
Per descriverla basta una sola parola: Gotica!
Le sue guglie alte 157 metri sono visibili da ogni punto della città ed è così maestosa che per farla entrare tutta in una foto dalla facciata principale serve solo il grandangolo.
Anzi serve anche una sciarpa, considerando che la piazza dove si trova la cattedrale, Domkloster,¬†√® la zona pi√Ļ ¬†ventosa della citt√†! (Poi non dite che non vi avevo avvisato!)
Super gotica anche all’interno, non perdetevi la salita a piedi sulle guglie per una visuale dall’alto della citt√† e le reliquie dei Re Magi!
Ultimo appunto: la cattedrale di Colonia √® l’unico edificio della citt√† a non essere stato distrutto dai bombardamenti durante la II Guerra Mondiale!

2. La Schnitzel

Schnitzel @ Bei Oma Kleinmann
Schnitzel @ Bei Oma Kleinmann

La sognavo da mesi, la super cotoletta pi√Ļ famosa della Germania.
Fate largo allo stomaco e gustatevi questa specialità.
Un consiglio?
Apprezzato dai locali, (ci ha portato qui una local seria ;))
√® Bei Oma Kleinmann in¬†Z√ľlpicher Str. 9.
L’attesa √® d’obbligo ma gusterete una Schnitzel da record.
Che ne dite?

Read more

Il segreto delle porte colorate di Dublino

porte colorate Dublino

Le porte colorate di Dublino, allegre e caratteristiche, sono le protagoniste delle strade della città e nascondono anche un simpatico segreto.

In taxi, dall’aeroporto verso il centro, con la¬†faccia appiccicata al¬†finestrino, queste porticine colorate¬†erano l’unico¬†tocco di colore che Dublino aveva quando ci siamo incontrate per la prima volta.

Mille porticine colorate nell’umido grigio¬†della ¬†citt√†.

E¬†a me,¬†che sono completamente inglobata nelle rigide leggi condominiali, dove non si pu√≤ scegliere in autonomia neanche il colore di una tapparella,¬†queste casette dai mattoncini rossi, ¬†con le porte colorate¬†e i batacchi dalle forme pi√Ļ curiose, mi hanno stregata.
Così, ho chiesto al tassista di raccontarmi la loro storia.

E lui con una risatina sotto il baffo mi risponde:
So you can recognize your wife when you’re drunk…

Ottimo… ho pensato io…

Poi ha iniziato a raccontarmi una storiella di segreti, birre e serate al pub, di cui, me ne vergogno, non ho capito quasi nulla, ma lui rideva ed io pure. Ed √® stata una bella storia! ūüôā

Con una storia a met√† e la curiosit√† a mille ho cercato di ricostruire i pezzi¬†di questo racconto e documentandomi ho scoperto davvero una storiella niente male, chiss√† se √®¬†la stessa che mi ha raccontato il tassista, perch√© in effetti hanno lo stesso protagonista: l’alcol!

La storiella è legata a due famosi intellettuali irlandesi del secolo scorso: Sir George Moore e Sir Oliver St John Gogarty.
I due amici vivevano in case vicine nei pressi di Merrion Square e trascorrevano le loro allegre serate tra fiumi di alcol gironzolando tra i pub della città.
A fine serata, incamminandosi verso casa, confusi dall’alcool, spesso non riconoscevano le proprie¬†abitazioni e finivano per entrare ognuno in casa dell’altro.

Cos√¨, per aiutare l’amico¬†con la localizzazione, Moore decise di dipingere la sua porta¬†di casa di un bel verde acceso, in modo tale che il compagno di bevute¬†non potesse pi√Ļ sbagliare casa.
Il giorno dopo, per ripicca¬†Gogarty, dipinse la sua di rosso, per evitare di ritrovarsi ancora una volta l’amico nel letto di casa sua.

Da quel giorno, tutti gli abitanti di Dublino, cominciarono a dipingere le porte delle proprie case per tornare felici e sereni dalle loro mogli.

Che sia una leggenda metropolitana o no, considerando quanto agli irlandesi piaccia fare festa, io trovo che questa¬†storiella calzi¬†¬†a pennello con l’atmosfera di questa citt√†.

Se penso a Dublino, la prima cosa che mi salta in mente sono le sue porticine… e alle centinaia di foto che ho scattato!

E comunque io della mia casetta dei sogni non colorerei solo la porta, ma anche tutte le finestre. Rigorosamente gialle e viola!

Voi? ūüôā

#Traveldreams2016: vivere ogni giorno come se fosse un viaggio.

#traveldreams2016

I miei buoni propositi per il 2016?
Non ne ho!

Quest’anno ho deciso: niente piani che poi perdo per strada, niente sogni troppo lontani.
Quest’anno ho un solo obiettivo: la positivit√†.

Il 2015 è stato un anno duro dal punto di vista lavorativo ma pieno di bellissime esperienze e di viaggi da ricordare!
Da quelli pianificati a quelli organizzati all’ultimo minuto.
Viaggi che hanno arricchito i miei ricordi, che mi hanno fatto ridere, imparare, sentirmi libera o forse, semplicemente me stessa.

Io quest’anno voglio viverlo tutto cos√¨. ūüôā
Ecco, non mi sembra giusto aspettare le ferie per essere positivi…
Quindi quest’anno, voglio viverlo tutto¬†con la stessa leggerezza di quando viaggio: senza gastrite e con le pagine della Moleskine zeppa di parole.

Read more